NODE festival

|

Konrad Sprenger

Konrad Sprenger 300dpi by Alex de Brabant1

Konrad Sprenger è lo pseudonimo di Joerg Hiller, compositore, musicista e fondatore della label Choose, per la quale ha pubblicato, fra gli altri i lavori di Ellen Fullman, Arnold Dreyblatt, Robert Ashley e Terry Fox.
Nel misurarsi con i limiti degli strumenti tradizionali e delle tecniche a essi connesse, Joerg ha incentrato la sua ricerca sull'utilizzo di una chitarra preparata, sviluppata a partire da un suo concept e realizzata grazie alla collaborazione con i programmatori Sukanda Kartadinata e Daniel van den Eijkel.
In questa macchina elettroacustica multicanale, in cui la chitarra è contemporaneamente sintetizzatore, drum machine e clavicembalo, un software controlla sei piccoli motori a solenoide, uno per ciascuna corda, per modificarne in tempo reale l'intonazione. A questi si aggiungono due ulteriori motori a velocità variabile collegati a dei lacci che percuotono le corde. Infine, un pick-up in grado di generare sustain infinito fa sì che queste vibrino senza interruzione.
Le asimmetrie sonore e i pattern rritmici generati dal sistema così composto suggeriscono un richiamo a sonorità minimaliste, krautrock e techno, attingendo simultaneamente a forme musicali secolari incentrate sulla ripetizione e sovrapposizione di frasi, in un inedito punto di incontro fra musica barocca, minimalismo e ricerca scientifica, fra contemporaneità e recupero del passato.
L'ultimo lavoro in studio di Konrad Sprenger, "Stack Music" è uscito nel 2017 su PAN.